Io dico NO al cinismo natalizio!

Ogni anno l’avvicinarsi del Natale diventa per molti l’occasione di dare libero sfogo al proprio cinismo esistenziale. Impossibile non imbattersi in discorsi su come una tavola imbandita non possa nascondere la superficialità dei rapporti: che poi quei parenti non li vedi tutto l’anno e allora perché dovresti essere felice di trascorrerci del tempo solo a Natale?; e i regali sono solo uno sperpero di denaro, i bambini ormai hanno tutto, sono viziati, materialisti, non credono più in nulla; i centri commerciali sono pieni anche se c’è crisi, e se davvero ci si vuole bene non serve aspettare Natale per farsi un dono o stare insieme. È tutto consumismo e finti sorrisi di circostanza.

Beh, io non ci sto e dico NO al cinismo natalizio!

Che male c’è nel godere della compagnia della famiglia e degli amici intorno ad un albero addobbato? Poco importa se durante il resto dell’anno non c’è occasione di farlo tanto spesso, anzi! È un motivo in più per apprezzarla! E fare un dono non dev’essere necessariamente vissuto come uno sperpero di denaro; può essere l’occasione di spendere del tempo per una persona cara attraverso la ricerca, la scelta, la presentazione…per godere dello stupore nei suoi occhi quando scarterà il pacchetto! Come è possibile, poi, non entusiasmarsi cogliendo negli occhi dei bambini la magia di chi crede senza il bisogno di capire? Abbiamo creduto tutti in quel buffo omone con la barba, ricordiamocene!
Natale è magia e leggerezza. Lo è per tutti, se si abbassano le difese.
Io lo amo il Natale! Mi piace cercare ogni anno degli addobbi nuovi per meravigliare gli amici che accolgo per cena o per una tazza di tè. Mi piace apparecchiare la tavola prestando attenzione ad ogni dettaglio per stupirli. Faccio una lista delle persone a cui voglio fare un regalo, e per ognuno di loro cerco qualcosa di speciale che confeziono personalmente scegliendo la carta ed i nastri che mi sembrano più adatti a loro. Scrivo dei biglietti. Addobbo l’albero. Mi concedo una fetta di pandoro con una tazza di latte per merenda. Smetto di contare le calorie. Ascolto e canticchio in continuazione motivetti alla Jingle Bells Rock. Cucino i muffin alla banana, i miei preferiti, e guardo un sacco di cartoni animati. Scatto molte fotografie, di ogni attimo, di ogni dettaglio, perché mi piace condividere lo spirito con cui vivo l’atmosfera natalizia, e mi piace tornare a guardare con gli occhi del bambino che sono stato. Mi fa sentire bene, leggero.
A me il Natale sembra una splendida opportunità e sarebbe meraviglioso se tutti potessero coglierla! Citando Elisa “ci sarà, dentro te e aldilà dell’orizzonte, una piccola poesia anche per te…”. E allora mettiamo da parte il cinismo, combattiamo il Grinch che è in noi: se cerchiamo possiamo trovare tutti la nostra poesia di Natale!
Tanti auguri!

Kino

ps. qui sotto alcune fotografie per raccontarvi attraverso le immagini il mio spirito natalizio!

image image image image image

 

Posted in Noi

Commenta