“Mistero a Bouquet dei Folli” è il progetto nato durante un laboratorio di scrittura creativa. Ho voluto offrire ai miei personaggi un contesto pittoresco da abitare, dove i tulipani nei giardini e le fette di torta alle pesche servite nei bistrot non fanno presagire alcun misfatto. Ma in questo borgo antico che profuma di forno e di lavanda, è successo qualcosa di insolitamente misterioso. In molti non se ne sono accorti, ma qualcuno ha iniziato a indagare…

Ogni mese pubblicherò un nuovo capitolo del racconto. Potrete trovarli in anteprima anche sulla rivista mensile I Like It Magazine. Collezionateli tutti!

 

Indice

1. La signorina snob
2. Fior di baffo

1. La signorina Snob

Vi presento la Signorina Snob. Veste perfettamente i panni dell’ispettrice improvvisata in un giallo noir e riesce ad indagare con discrezione, quasi passasse sempre di lì per caso, la Snob. Non dà troppa confidenza, il giusto, e in ogni circostanza conserva quell’aria altezzosa che la rende ancor meno simpatica della Fletcher. Ha un ottimo fiuto, per decifrare il profumo degli infusi, soprattutto, ma anche per scovare i colpevoli di crimini e misfatti. Ed è sempre così elegante! Ha deciso di ritirarsi in un borgo di provincia francese da un paio d’anni, dopo aver ereditato la storica profumeria gestita dalla nonna. Se ne occupa lei ora. Crea personalmente le essenze vendute in boccette di vetro artigianale alle signore borghesi del quartiere. Nel retrobottega ha improvvisato una piccola biblioteca con libri di botanica. Conosce molto bene le piante da cui si ricavano sieri di veleno letali; scoprirete presto quanto le è tornata utile quest’attitudine durante le sue indagini. Ah, ha fatto amicizia con il buffo ometto che gestisce la fioreria accanto al suo negozio. Il poveretto, suo malgrado, è stato coinvolto in una losca vicenda che ha scosso le anime di quel borgo delizioso.
Era un martedì mattina e la Snob tenne chiusa la profumeria. Qualche giorno prima, nel piccolo borgo dove vive e tenta invano di mantenere un basso profilo, un violento temporale aveva danneggiato le piante del suo vicino, il proprietario della fioreria. Pare lo abbia aiutato a dividere i tulipani per colore; i vasi si erano rovesciati e il vento aveva riempito il vialetto di petali. Dicono che poi lo abbia invitato a colazione. Ah, è audace la Snob. Sostiene che l’iniziativa è la più profonda forma di saggezza. Lo aveva portato nel suo retrobottega segreto, quello dove ha improvvisato la sua piccola biblioteca botanica. Aveva qualcosa in mente…

2. Fior di baffo

Mercoledì mattina il sig. Fior di Baffo, all’alba già sorseggiava il suo tè. Aveva passato la notte insonne, in balia di congetture più o meno spaventose circa la consulenza concessa alla Snob in cambio dell’aiuto a recuperare i tulipani spazzati via dal temporale. Gli era sembrata così cordiale quando, dopo essersi proposta di sistemare i fiori all’ingresso del negozio mentre lui si occupava dei clienti, lo aveva invitato nel suo retrobottega per una tazza di tè. Era stata cordiale, sì, ed era anche affascinante, la Snob. Una signora minuta ed elegante, sempre con quel suo delizioso foulard di seta verde menta annodato al collo e i capelli perfetti. Il Fior di Baffo non aveva immaginato che avrebbe sorseggiato quella tazza di tè sfogliando antichi libri di botanica. La Snob voleva un elenco delle piante velenose da cui è possibile ricavare un infuso letale. Non aveva voluto giustificare l’insolita richiesta, ma gli aveva offerto una rassicurante fetta di torta alle pesche accennando la cosa più simile ad un sorriso che fosse in grado di improvvisare, ed era bastato. Ma quella notte Fior di Baffo aveva pensato ai tulipani spazzati via dal temporale, e al tè, al retrobottega, al delizioso foulard verde menta, alla botanica, al vago sorriso, alla morte della Signora Amelia, alla torta di pesche… Ehi, un momento! Perché aveva pensato alla morte della signora Amelia, avvenuta qualche giorno prima? Cosa c’entrava con i tulipani, il tè, il retrobottega, il foulard, la botanica, il vago sorriso, la torta alle pesche? Era stata trovata nella veranda affacciata sul suo invidiato giardino, il più grazioso del borgo, la signora Amelia, seduta sulla sedia a dondolo. Mosè, il suo grasso gatto, aveva iniziato a miagolare senza sosta quando al crepuscolo non aveva trovato la sua ciotola piena di tonno, attirando l’attenzione del vicinato. Pareva stesse soltanto dormendo profondamente, ma aveva smesso di respirare da un pezzo.
“La verità è immaginazione” pensò il sig. Fior di Baffo, mentre rifletteva sugli insoliti avvenimenti in cui era stato coinvolto suo malgrado. Cominciavano a incastrarsi come pezzi di un complicatissimo puzzle. Uno di quelli che riproducono i dipinti impressionisti, in cui i dettagli, visti da vicino, appaiono sfocati, ma da qualche passo indietro la visione d’insieme offre contorni più nitidi. “La verità è immaginazione”. Lo disse ad alta voce, ma senza rendersene conto. Quasi fosse una di quelle rivelazioni che vanno pronunciate perché diventino reali…