Ad ogni emozione il diritto di esistere!

ad-ogni-emozione

“È stranamente diffusa l’abitudine a pensare che una persona intelligente debba sempre comprendere. Che non debba mai adirarsi troppo, che non debba dispiacersi per le cose banali. Come se l’intelligenza fosse una prerogativa per imparare a non soffrire, a non provare delusione. Ma dispiacere e delusione hanno a che fare col cuore, col desiderio. Non con l’intelligenza.”
Dopo aver letto questa frase di Serena Santorelli su un social, ho iniziato a riflettere sull’idea di intelligenza. Per esempio al fatto che oggi il concetto di intelligenza è strettamente collegato a quello di moderazione. Una persona con modalità diplomatiche di esprimersi, esternare le proprie emozioni e gestire i conflitti, risulta spesso più intelligente di chi fa più fatica a comunicare e spesso si sente sopraffatto dai propri sentimenti. Ma è davvero così? Pensiamo ai grandi personaggi che nel corso della storia hanno contribuito a cambiare il mondo: i più non ci sono riusciti solamente appellandosi ad un intelletto particolarmente vivace ma bensì mossi da una spinta emotiva su cui probabilmente non avevano un grosso controllo. Se il popolo francese nel ‘700 avesse manifestato il proprio disagio chiedendo di poterne discuterne pacificamente con la bella Regina Maria Antonietta, anziché dar vita alla Rivoluzione, probabilmente starebbe ancora mangiando le brioches al posto del pane! Ma divagazioni storiche a parte, mi sono fermato a riflettere più sulle piccole delusioni che proviamo nella nostra quotidianità: quando banalmente ci rimaniamo male perché nessuno ci ha detto che stiamo bene con il nuovo taglio di capelli, quando ci arrabbiamo perché il nostro ragazzo o la nostra ragazza facendo la spesa ha scordato di comprare il cioccolato che ci piace, quando non abbiamo voglia di uscire perché la bilancia segna un chilo in più e una fetta di salame di troppo ci ha fatto spuntare un brufolo sulla fronte. Quando ci commuoviamo guardando l’ultima puntata della nostra serie tv preferita, quando ci sentiamo avviliti perché col conto in rosso non possiamo comprarci le scarpe della nostra vita, quando torna la gelosia per quell’ex dimenticato da una vita vedendone una foto con la nuova fiamma su Facebook.
Spesso quando ci ritroviamo in queste situazioni ci sentiamo in balia di sensazioni scomode che non vorremo provare perché ci sembrano sciocche. E ci sentiamo stupidi. Non ci sentiamo legittimati a sentirci in quel modo, come se potessimo scegliere noi come sentirci. Come se fosse necessario attribuire un senso alle nostre emozioni, giustificarle, dargli un valore razionale. Perché solo in questo modo avrebbero diritto di esistere senza procurarci vergogna. Ma la verità è che “dispiacere e delusione hanno a che fare col cuore, non con l’intelligenza.” Basterebbe imparare ad essere più indulgenti con se stessi, volersi più bene, accettarsi con tutte le paturnie, le giornate storte e gli sbalzi d’umore. Forse è questo che rende intelligenti!

Kino

Posted in Noi

One thought on “Ad ogni emozione il diritto di esistere!

  1. Questo articolo mi ha fatto bene…tanto spesso si confonde l’emotività con l’intelligenza. ma essere umani significa anche questo. grazie per averlo ricordato, Patrikkincolo 😉

Commenta